Come tenere bassi i consumi del condizionatore

È possibile usare il condizionatore per raffreddare l’aria e l’ambiente senza però sprecare energia elettrica. Basta seguire i seguenti consigli del tecnico della manutenzione e assistenza condizionatori Roma per evitare così bollette dalla luce altissime a fine periodo che svuotano il conto corrente in banca.

Scegliere una classe energetica alta

Il primo modo per evitare costi di gestione del condizionatore troppo alti, è scegliere con attenzione il modello, evitando i modelli che consumano troppo. Per arrivare a questo risultato, basta selezionare solo ed esclusivamente modelli di condizionatore con classe energetica buona e alta.

La classe energetica migliore per un condizionatore è la A o superiore, come A+ o A++. Solo questi elettrodomestici assicurano di funzionare senza sprecare energia elettrica.

Abbassare le tapparelle e chiudere le finestre

È inutile accendere il condizionatore per abbassare la temperatura dell’aria dentro casa se prima non si abbassano le tapparelle e si chiudono le finestre. Se le finestre restano aperte, da fuori entra aria calda che vanifica l’azione del condizionatore.

È fondamentale chiudere anche le tapparelle perché i raggi del sole che entrano scaldano l’ambiente e fanno alzare la temperatura. Chi tiene finestre aperte e tapparelle alzate è costretto a lasciare acceso il condizionatore per molte ore al giorno senza sortire l’affetto desiderato. La cosa migliore per non avere problemi in bolletta a fine periodo, è oscurare completamente la casa eliminando l’effetto del sole; solo così il condizionatore riesce ad assicurare un risultato ottimale in tempi brevi.

Non abbassare troppo la temperatura

Il tecnico della manutenzione e assistenza condizionatori Roma consiglia sempre di fare attenzione alla temperatura inserita in modo da evitare uno spreco di energia. Non solo evitare lo shock termico, ma si tratta di un’attenzione fondamentale per il risparmio energetico.

La temperatura del condizionatore no deve essere troppo bassa altrimenti i consumi si alzano. L’ideale sarebbe una temperatura appena pochi gradi inferiore a quella esterna. Sono sufficienti, infatti, pochi gradi in meno per avere sollievo dal caldo e non boccheggiare più.

CONDIVIDI