Scopri se tuo figlio è vittima di bullismo con questi indizi

La maggior parte degli atti di bullismo succede dentro la scuola durante le lezioni e pause o anche prima dell’entrata oppure dopo l’uscita. Per questo motivo, è bene che i genitori tengano d’occhio alcuni comprante insoliti e le condizionai di vestiti e materiale scolastico, come spiega il bravo investigatore privato a Roma che sa di che si tratta.

Vestiti e indumenti strappati / sporchi. È facile che i ragazzi che prendono di mira un altro compagno, gli predano un vestito, come il giubbotto o una felpa, e iniziano a lanciarselo per far innervosire il proprietario e metterlo in imbarazzo, durante questi scambi è facile che il vestito si trappi o cada per terra in una pozzanghera sporcandosi. Se tuo figlio trona a casa con i vestiti strappati, molto sporchi o simile, potrebbe essere un segno di bullismo.

Vestiti e indumenti persi. Una tecnica che i ragazzini mettono in atto per evitare che i genitori soprano l’accaduto di cui sopra, cioè gli indumenti strappati (anche solo accidentalmente), è nascondere i vestiti oppure buttarli, dicendo semplicemente che sono stati persi. Una soluzione potrebbe esser quella di controllare bene in camera se ci sono vestiti in tali condizioni come farebbe un abile investigatore privato a Roma. Se i vestiti sono stati buttati, sarà difficile averne le prove.

Libri, diario, astuccio e altro materiale di scuola rovinati /rotti. Lo stesso che capita agli indumenti di chi è preso di mira, succede al materiale scolastico. I bulli si lanciano diario, libri, astuccio e simili. Per tale motivo, un diario con la copertina tutta staccata o simile, è un segnale da interpretare.

Libri, diario, astuccio e altro materiale di scuola perso. Anche per quanto riguarda libri e altro materiale, se è stato rotto dai bulli, il ragazzo preso di mira tenderà a nascondere l’oggetto prova del misfatto. Può anche buttarlo via e dire ai genitori che l’ha semplicemente perso. Frequenti sparizioni di oggetti di scuola devono far accendere un campanello di allarme!

 

 

 

 

CONDIVIDI